Assassinato l’Ambasciatore Russo in Turchia

L’ambasciatore russo in Turchia, Andrey Karlov, è stato assassinato nella serata di ieri, mentre presiedeva l’apertura d i una mostra sull’arte russa, nella capitale Ankara.

Ad ucciderlo un giovane poliziotto turco di 22 anni, che non sembrerebbe almeno per il momento aver operato con il supporto di alcun gruppo e che non sembrerebbe membro di alcuna organizzazione terroristica.

Dopo essere stato colpito con diversi colpi da arma da fuoco, Karlov è stato trasferito di urgenza in ospedale e lì è spirato dopo pochissimi minuti.

Un fatto di sangue che ancora non trova spiegazioni ragionevoli per gli inquirenti turchi, che stanno al momento indagando sul passato dell’omicida, che faceva parte del reparto mobile della polizia di Ankara.

L’assassino, dopo aver aperto il fuoco sull’ambasciatore, avrebbe richiamato i morti ad Aleppo per mano russa, fatto un’invocazione a Dio e letto un verso del Corano che richiama alla jihad, la guerra santa che è poi topos frequente delle organizzazioni terroristiche islamiche radicali.

Nel frattempo Russia e Turchia sembrerebbero pronte ad andare avanti nelle discussioni che riguardano il futuro della guerra in Siria. “C’è qualcuno a cui non stanno bene i buoni rapporti tra Russia e Turchia”, hanno tuonato dall’entourage di Erdogan, che avrebbe subito chiamato l’omologo Vladimir Putin per commentare l’accaduto.

Entrambi i governi sembrebbero intenzionati a considerare il gesto come un atto di terrorismo, per impedire anche che i colloqui di pace che riguardano il futuro della Siria possano risentire di questo evento.

Nel frattempo sia gli USA sia l’Iran hanno chiuso le loro rappresentanze diplomatiche in Ankara: non ci sono motivi politici, ma piuttosto per motivi di sicurezza. L’Iran dovrebbe sedersi al tavolo delle trattative per la questione siriana e gli Stati Uniti preoccupati dal fatto che, anche durante la scorsa notte, si sono uditi degli spari di fronte alla propria ambasciata ad Ankara.

Leggi Anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *