Gates: Pronto un fondo da 1 miliardo di dollari per l’energia pulita

Bill Gates sarebbe pronto a salvare il mondo. Così hanno titolato i quotidiani di mezzo mondo, dando la notizia dell’apertura, da parte del fondatore di Microsoft e ex uomo più ricco del mondo, di un fondo per investire nelle aziende che investono e lavorano con energia pulita e rinnovabile.

Una notizia che non avrebbe lasciato nessuno a bocca aperta in un altro tipo di contesto: Gates è impegnato ormai da anni con la sua fondazione per fini filantropici, la Bill e Melinda Gates Foundation, ed è sempre stato interessato al tema energia, una delle chiavi per permettere lo sviluppo del continente africano.

A destare però la curiosità dei giornalisti è stata la tempistica della scelta. La decisione di Bill Gates è stata comunicata a poche settimane dall’elezione di Donald Trump che ancor prima di insediarsi alla Casa Bianca ha già fatto intendere a lettere particolarmente chiare l’intenzione di essere molto meno attento, rispetto alla precedente gestione, ai temi delle energie rinnovabili e dell’emissione di gas serra.

Il fondo di Gates, che avrà una consistenza pari ad almeno un miliardo di dollari, secondo le ultime notizie trapelate, potrebbe agire da ostacolo alle nuove politiche (per ora soltanto annunciate) di Donald Trump, inserendosi in un percorso iniziato già 8 anni fa con la prima presidenza Obama, fatto di progressi piccoli ma costanti.

Nel frattempo negli ambienti di Trump sembrano essere in pochi ad interessarsi della decisione del magnate ex-Microsoft. A dirigere l’Agenzia Federale per l’Ambiente sarà nominato con ogni probabilità Scott Pruit, noto per essere un negazionista del riscaldamento globale.

Lo scontro sul clima non sarà più al Senato e al Congresso, ma si combatterà con ogni probabilità a colpi di milioni: la mossa di Gates è abbastanza chiara e univoca infatti; anche se il governo dovesse tirarsi indietro, sarà il suo fondo a contribuire in modo decisivo allo sviluppo delle aziende che trattano energia rinnovabile.

Leggi Anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *