MPS: I Tedeschi Contro il Salvataggio Pubblico

Una situazione per moltissimi che si preannuncia come paradossale. Dalla Germania infatti arrivano pessime notizie per MPS, dato che, stando a quello che viene riportato da Bild, il presidente della Bundesbank Jens Weidmann si sarebbe mostrato contrariato al salvataggio di MPS da parte delle autorità pubbliche.

Una posizione che in molti, appunto, hanno segnalato come paradossale, in quanto diversi istituti tedeschi, seppure in sordina e in modalità diverse da quanto sta avvenendo in Italia, sono stati salvati appunto dalla mano pubblica, che partecipa in modo molto più diretto, in quanto i Lander sono diretti partecipanti al capitale sociale delle banche.

Weidmann, presidente della Bundesbank, ha invitato gli investitori e le autorità tedesche (e dunque di concerto anche quelle europee, in una UE che parla sempre di più la lingua di Francoforte) ad analizzare con estrema attenzione l’operazione di salvataggio da parte della Repubblica Italiana a favore di uno dei suoi istituti più prestigiosi, che nonostante detenga ormai quote di mercato meno rilevanti di altri grandi gruppi, avrebbe potuto innescare una reazione a catena molto pericolosa per l’economia italiana e europea.

“Il denaro pubblico è l’ultima risorsa”, ha tuonato il presidente della Banca Centrale Tedesca, “prima di procedere con l’approvazione di un piano del genere è necessario analizzare lo status della banca e soprattutto individuare se il centro economico, il nucleo della banca, è economicamente sano”, puntando in modo neanche troppo velato all’enorme quantità di crediti inesigibili che il Monte dei Paschi ha in pancia.

Staremo a vedere cosa succederà, perché il mettersi di traverso dei tedeschi potrebbe innescare procedure lunghe (e che dichiarerebbero la morte della banca, che ha bisogno di un salvataggio immediato) in sede Europea. Il tutto mentre già si mugugna di due pesi e due misure: perché le banche tedesche hanno potuto godere del denaro pubblico e dei salvataggi, indiretti, dei Lander?

Leggi Anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *